WASHING BY WATCH – Rossella Piccinno @ Lavanderia Jefferson Lecce (LE)

Testo tratto dal sito: www. damagegood.tumblr.com

Leggi qui anche l’articolo su URKA!ONLINE: http://urkaonline.it/specials/washing-by-watch-rossella-piccinno/

unnamed-565x376

Domenica è sempre domenica. Non alla Lavanderia Jefferson di Lecce, dove è prevista un’apertura straordinaria per Washing by watch, rassegna di videoarte e photo screening su giovani autori pugliesi affermati a livello nazionale e internazionale, che nei loro lavori hanno indagato il concetto di paesaggio, tra memoria e presente, scandagliando di riflesso anche il concetto di  rappresentazione in relazione ai contesti e allo spazio, non solo urbano.

La rassegna, promossa dall’associazione DamageGoodin collaborazione con Collaboratori Particolari, nasce per discutere di progetti intermediali e fotografici indipendenti attraverso anteprime, focus pointscreening dedicati che contribuiscono alla diffusione delle nuove tendenze dell’arte contemporanea nel video e nella fotografia. Lo strumento cardine è soprattutto il talk informale con l’autore, protagonista dell’evento, in grado di fornire supporto critico e informativo non solo agli appassionati di videoarte ma anche ai neofiti del mezzo.

Fedele al mood l’intervento di Rossella Piccinno, ospite del terzo appuntamento previsto perdomenica 5 gennaio. Artista classe 1978, si è formata come documentarista presso il DAMS di Bologna e poi specializzata in cinema e arti digitali presso il prestigioso Le Fresnoy, Studio National des Arts Contemporains in Francia. Dalla spiccata sensibilità verso le problematiche sociali, Piccinno ha maturato una particolare predilezione verso forme di progettualità trasversali che coniugano il linguaggio del cinema con la videoarte, la fotografia e l’installazione.

Per Washing by Watch l’artista presenterà un focus su alcune delle sue ultime e più significative produzioni, realizzate nel corso di altrettante residenze d’arte in Islanda, Strasburgo e Dunkerque in Francia. L’opera di Rossella Piccinno percorre il fil rouge che unisce l’identità culturale con l’identità dei luoghi e dei paesaggi, indaga la memoria individuale e collettiva, scandaglia il complesso universo relazionale per definire una nuova metodologia di conoscenza attraverso le azioni e le immagini.

déhalage_03

02_thre-here-evidences-of-proximity

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s